News: Rael: "Akhil Bakshi ha ragione, tutte le razze furono create separatamente!"
(Categoria: Press Release)
Inviato da Davide
mercoledì 03 novembre 2010

LAS VEGAS, 27 ottobre - Secondo lo scienziato indiano Akhil Bakshi, membro della Royal Geographic Society, non tutti gli esseri umani sono originari dell'Africa. E' infatti sua opinione che i neri, i bianchi e gli asiatici abbiano antenati diversi da loro. Per aver espresso queste sue teorie in un suo recente articolo, egli è stato immediatamente attaccato dalla comunità scientifica, che ha definito "pericolose", "sbagliate" e "razziste" le sue asserzioni.

Rael, fondatore e leader del Movimento Raeliano Internazionale, ha espresso oggi il proprio sostegno a Bakshi, affermando che lo scienziato ha fornito un'ulteriore conferma alle informazioni che egli ricevette quasi 40 anni fa. Secondo quanto gli venne rivelato, le sette razze terrestri furono create da scienziati provenienti da un altro pianeta.

La più accreditata teoria scientifica del momento, il cosiddetto modello Out of Africa, sostiene che l'uomo moderno fece la sua comparsa in Africa per poi emigrare negli altri continenti circa 55.000 anni fa.


Per contro, la teoria del multi-regionalismo sostiene invece che diverse specie di Homo Sapiens siano apparse su differenti continenti, senza che queste avessero alcun legame con la specie africana. Questa teoria sta guadagnando sempre più consenso presso gli scienziati, soprattuto in Cina, dove circa tre anni fa venne riportato alla luce il fossile di un cranio umano risalente allo stesso periodo di quelli ritrovati in Africa.

"L'origine delle specie provoca sempre dei dibattiti dalla forte carica emotiva, perché non si tratta solo di un argomento scientifico, ma è anche un soggetto filosofico", ha detto la dott.ssa Brigitte Boisselier, portavoce del Movimento Raeliano Internazionale. "Gli atei ed i creazionisti trovano un confortevole compromesso nella teoria Out of Africa e nella presenza di un antenato unico, che si chiami Eva o Lucy".

Boisselier ha aggiunto che l'idea che Eva sia apparsa su diversi continenti "disturba molto i credenti in Dio, perché tutte le Scritture fanno riferimento al fatto che in origine vi fosse un'unica coppia, Adamo ed Eva". Ha poi spiegato che una tale teoria mette a disagio anche gli evoluzionisti atei, perché non sanno spiegare come possano verificarsi le stesse mutazioni nello stesso periodo e su ogni continente, portando alla comparsa di numerose razze di Homo Sapiens che, pur appartenendo a specie differenti, mantengono tuttavia la capacità di riprodursi.

"Comprendiamo perfettamente che la loro battaglia per respingere la teoria del multi-regionalismo è motivata unicamente dal fatto che questa non si adatta al loro dogma", ha commentato la Boisselier.

La filosofia Raeliana sostiene che le sette razze umane originarie siano state create da sette diverse squadre di scienziati extraterrestri, che giunsero sulla Terra e crearono ogni forma di vita lavorando in sette diverse aree geografiche. Essa spiega che gli esseri umani vennero creati ad immagine di questi creatori, che riprodussero le diverse razze presenti originariamente sul loro pianeta.

"Da un lato gli scienziati trovano le tracce di questi creatori extraterrestri - spesso erroneamente chiamati Dei - in ogni continente e risalenti alle epoche dei nostri antenati, dall'altro i biologi, tra i quali quelli appartenenti al team di Craig Venter, ci stanno fornendo le prove che la creazione della vita da parte degli esseri umani non è più fantascienza", ha detto Boisselier.

Ha poi aggiunto: "Se i nostri scienziati più lungimiranti fossero meno attaccati ai loro dogmi, apprezzerebbero le prove di un Disegno Intelligente Ateo e smetterebbero di lasciarsi prendere dall'emozione quando affermano che il multi-regionalismo equivale ad essere razzisti o pericolosi. Tutte le razze sono dei capolavori e si completano a vicenda nel grande piano dei nostri creatori. E' urgente prenderne coscienza il prima possibile, in modo tale che l'umanità smetta di combattere a causa delle proprie differenze. Questo è lo scopo del messaggio dato a Rael dai nostri creatori nel 1973 e nel quale annunciano tutti gli sviluppi scientifici di cui siamo oggi testimoni".



Questa news proviene da Sito Stampa Raeliano
( http://it.raelpress.org/news.php?extend.133 )